Skip to main content

HABITAT 7210*

Paludi calcaree con Cladium mariscus e specie del Caricion davallianae

Stato di conservazione a livello nazionale (Regione Biogeografica Continentale): Unfavourable-Bad (EEA, Conservation status 2007-2012 of habitats).

Si tratta di formazioni emergenti azonali, ossia dipendenti da condizioni specifiche edafiche ed idriche, a dominanza di Cladium mariscus, con distribuzione prevalente nella regione bioclimatica temperata ma presenti anche nei territori a bioclima mediterraneo, generalmente sviluppate lungo le sponde di aree lacustri e palustri, spesso in contatto con la vegetazione dominata da grandi carici e cannuccia di palude.

L'entità dominante è Cladium mariscus che tende ad originare popolamenti molto poveri di specie, talora monospecifici. Tra le specie di interesse conservazionistico possono essere ricordate Kosteletzkya pentacarpos e Thelypteris palustris, mentre negli ambienti mediterranei sono presenti Sonchus maritimus e Juncus maritimus.">

Tutta la vegetazione a dominanza di Cladium mariscus viene inquadrata all’interno della classe Phragmito-Magnocaricetea.

I cladieti dei climi temperati, riferiti all'associazione Mariscetum serrati, sono inclusi da alcuni Autori nell’alleanza Phragmition communis e da altri nell'alleanza Caricion elatae. Nel bioclima mediterraneo prevalgono gli aspetti subalofili, presenti nelle lagune retrodunali o anche in alcune paludi in corrispondenza delle foci di fiumi.

È presente in 808 siti Natura 2000 in Europa, secondo i dati della European Environment Agency, ma è molto raro in tutta la Regione Veneto.

Attualmente l’Oasi WWF di Valle Averto costituisce l’unica area all’interno dei tre Siti Natura 2000 che interessano la laguna di Venezia (ossia ZPS IT 3250046, ZSC IT 3250030 e ZSC IT 3250031) in cui è stata di recente accertata la presenza di questo habitat prioritario.

Benché i relativi Formulari Natura 2000 attualmente non riportino l’habitat 7210*, la Regione Veneto ha già dichiarato la propria volontà di procedere al loro aggiornamento.

La presenza del cladieto è strettamente legata al grado di umidità del suolo; la mancanza di una corretta gestione dei processi dinamici naturali determina cambiamenti nella composizione e nella struttura che tendono a fasi biocenotiche degradate.

Attualmente, all’interno dell’Oasi WWF di Valle Averto, la presenza e la diffusione dell'habitat 7210* è principalmente minacciata dall'eccessivo sviluppo del rovo Rubus spp.

Cladium mariscus

Cladium mariscus

 

Cladium mariscus